Nel 2015, la durata media di spostamento a piedi oppure in bicicletta o bicicletta elettrica in Svizzera era di 34,0 minuti al giorno per persona. Questo valore è stabile sin dal 2005. In media, nel 2015 ogni abitante della Svizzera ha percorso giornalmente 2,33 tappe oppure una distanza di 2,8 km a piedi oppure in bicicletta o bicicletta elettrica.

In termini di durata di spostamento, la quota della mobilità attiva (a piedi oppure in bicicletta o bicicletta elettrica) sul totale della mobilità si attestava al 41,1%. Ciò significa che nel complesso la mobilità fisicamente attiva raggiunge quote paragonabili a quelle del traffico individuale motorizzato (42,4%). Per quanto concerne la distanza, la mobilità fisica attiva registra, come natura vuole, una quota minore (7,6%) rispetto al totale della distanza percorsa. Per questo motivo è importante specificare di quale unità di misura si sta parlando.  

Questo indicatore fa parte del sistema di monitoraggio delle dipendenze e delle MNT (MonAM) dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

La «mobilità fisica attiva», ovvero gli spostamenti quotidiani come camminare o andare in bicicletta, ha un grande influsso sul benessere personale e sulla salute. Un’attività fisica sufficiente offre una protezione efficace contro numerose malattie fisiche e psichiche. Le misure di promozione dell’attività fisica sono importanti in particolare per coloro che fino a quel momento non ne praticavano molta, perché aumentandola la loro salute ne trarrebbe il massimo beneficio.

Spostarsi a piedi oppure in bicicletta sono forme di attività fisica particolarmente accessibili. Costituiscono un’offerta facilmente accessibile per esercitare un’attività fisica regolare con un impatto sulla salute. La mobilità fisica attiva comprende tra l’altro gli spostamenti per recarsi al lavoro, a fare la spesa, per usufruire di servizi e accompagnare qualcuno, nonché la mobilità come attività del tempo libero (passeggiate, gite, giri in bicicletta). 

L’effetto dell’attività fisica sulla salute dipende dalla frequenza, dalla durata e dall’intensità. Il presente indicatore mostra la portata (durata di spostamento, tappe, distanza) di entrambe le forme di attività fisica (spostamento a piedi e in bicicletta). Su questa base possono essere definite misure di promozione della salute nell’ambito della mobilità fisica attiva.

Definizione

Per il concetto di mobilità fisica attiva vengono utilizzati, a seconda del contesto, anche i sinonimi di Human Powered Mobility oppure traffico lento. Nel presente indicatore, con mobilità attiva si intende lo spostamento a piedi oppure in bicicletta. Anche lo spostamento con mezzi simili a veicoli come il monopattino oppure i pattini in linea può essere classificato in questa categoria, ma non viene specificato nell’indicatore.

Con distanza si intende il tragitto percorso giornalmente a piedi oppure in bicicletta. La durata di spostamento corrisponde al tempo necessario per percorrere la distanza (senza i tempi di attesa né quelli per le coincidenze). Con tappa si intende la parte del tragitto percorsa con una sola forma di mobilità.

Fino al 2010 le biciclette elettriche erano conteggiate tra le biciclette, in quanto allora non ancora così diffuse. Nel 2015, per la prima volta la mobilità in bicicletta elettrica è stata rilevata separatamente. Da allora, questa categoria è visibile nell’indicatore. Nella categoria delle biciclette elettriche di questo indicatore rientrano sia quelle più lente che quelle più veloci, in quanto anche utilizzando queste ultime viene esercitata un’attività fisica. Nelle altre analisi dell’Ufficio federale di statistica le biciclette elettriche più veloci rientrano invece nel traffico individuale motorizzato come i motorini, in quanto per guidarle ci vuole la patente.

Una spiegazione delle variabili sociodemografiche è disponibile nel documento Definizione dei criteri.

Fonte

Informazioni ai media

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Tel. +41 58 462 95 05
media@bag.admin.ch

Ultimo aggiornamento

01.10.2018