Nel 2020, in Svizzera circa 56 000 decessi erano riconducibili alle MNT, il che corrisponde al 74% del totale. Dal 1995, questa cifra è rimasta relativamente stabile in una fascia compresa tra 51 500 e 58 000 casi all’anno. Fino al 2019, la quota di MNT sul totale oscillava tra l’84 e l’88%. Nel 2020 è invece scesa di 10 punti percentuali, attestandosi al 74%, a causa dell’aumento del numero di decessi ascrivibili alle malattie trasmissibili (COVID-19).

Nell’intero periodo, il tasso di decessi dovuti alle MNT ogni 100 000 abitanti è sceso da 1031 a 642 casi. Questo è dovuto all’aumento della speranza di vita e al contempo al calo della mortalità dovuta alle malattie cardiovascolari. Al contrario, nel corso del tempo è aumentata la mortalità dovuta alle malattie legate alla demenza.

Questo indicatore fa parte del sistema di monitoraggio delle dipendenze e delle MNT (MonAM) dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Le MNT causano molta sofferenza alle persone interessate e ai loro famigliari. Inoltre, sono la causa dell’80% dei costi sanitari totali e della maggior parte dei casi di mortalità prematura, o in altre parole degli anni potenziali di vita persi (cfr. indicatore «Anni di vita persi a causa di MNT»). Alla luce dell’invecchiamento demografico, si parte dal presupposto che il carico di malattia delle MNT continui ad aumentare.

Le cinque MNT più frequenti sono i tumori, le malattie cardiovascolari, le malattie respiratorie croniche, il diabete e le malattie dell’apparato locomotore. Sono al centro della Strategia MNT che mira a contenere l’aumento del carico di malattia nonché dei costi e a ridurre i decessi prematuri.

Definizione

Questo indicatore mostra il numero e il tasso di decessi dovuti alle MNT, la loro quota sul totale nonché la quota per causa principale di morte (MNT e non). L’indicatore è basato sulla statistica delle cause di morte e sulla statistica della popolazione e delle economie domestiche (STATPOP) dell’Ufficio federale di statistica (UST). Le cifre sono aggiornate annualmente.

Le seguenti malattie sono state determinate in base alle definizioni ICD-10 corrispondenti (OMS, 2020).

  • Malattie cardiovascolari: I00-I99
  • Patologie tumorali: C00-C97
  • Malattie legate al diabete: E10-E14 (senza E10.2, E11.2, E12.2, E13.2, E14.2)
  • Malattie respiratorie croniche: J30-J98
  • Demenza: F01-F03, G30-G31
  • Altre malattie non trasmissibili (MNT): D00-D48, D55-D64 (senza D64.9), D65-D89, E03- E07, E15-E34, E65-E88, F01-F99, G06-G98 (senza G14), H00-H61, H68-H93, K00-K92, L00-L98, M00-M99, N00-N64, N75-N98, Q00-Q99, X41-X42, X44, X45, R95

Le altre MNT comprendono altre neoplasie (p. es. benigne), disturbi del sistema endocrino, sanguigno o immunitario, disturbi psichici e comportamentali, malattie neurologiche (come il morbo di Parkinson e la sclerosi multipla), malattie muscoloscheletriche, anomalie congenite e altre malattie. Le altre cause di morte (non MNT) comprendono le malattie trasmissibili, gli incidenti e tutte le altre cause di morte.

Per la definizione di demenza sono stati adottati i codici ICD dell’OMS (2020). Esistono lievi differenze per quanto concerne i codici ICD utilizzati dall’OMS e dall’UST, motivo per cui in questo indicatore il numero di decessi differisce dalle cifre pubblicate dall’UST.

Il tasso standardizzato è stato calcolato utilizzando il metodo diretto riferito alla popolazione standard europea del 2010 ed è descritto alla pagina seguente: Standardizzazione: spiegazione e calcolo.

Fonti

Riferimento

  • OMS (2020). WHO methods and data sources for country-level causes of death 2000-2019: Global Health Estimates Technical Paper WHO/DDI/DNA/GHE/2020.2. Ginevra: pubblicazione (in inglese).

Informazioni ai media

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Tel. +41 58 462 95 05
media@bag.admin.ch

Ultimo aggiornamento

02.11.2022